Locazioni

Secondo la Corte di Cassazione (Cass. civ., 17.6–30.9.2015, n° 19.524), "la pattuizione iniziale di canone crescente è sì in linea di principio valida, ma pur sempre all'imprescindibile condizione che essa non sia destinata a svolgere surrettiziamente una funzione di aggiornamento del valore del canone svincolata dai criteri e dai limiti fissati dall'art. 32 della legge n. 392 del 1978 e trovi la sua giustificazione causale dall'assetto che le parti hanno dato ai rispettivi interessi nel contratto."

Perchè l'aumento c.d. a scaletta del canone sia quindi considerato valido esso dovrà essere previsto al momento di conclusione del contratto ed in qualche modo giustificato e collegato ai diversi interessi delle due parti del contratto.


Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di piĆ¹